I timori degli uragani sollevano i prezzi del gasolio USA oltre i 70 dollari

I futures petroliferi si sono stabilizzati mercoledì a causa di un pesante calo delle forniture di greggio domestico e dell’incertezza legata all’impatto energetico dell’uragano Firenze combinato con l’aumento dei prezzi negli Stati Uniti di oltre 70 dollari al barile.
Il prezzo del greggio benchmark globale nel frattempo ha toccato un livello superiore a 80 dollari al barile.
I Futures di ottobre sul grezzo medio del West Texas è salito a 1,12 dollari, per stabilirsi a 70,37 al barile.

Secondo Dow Jones Market Data, i prezzi basati sui contratti del mese anteriore hanno segnato il più alto accordo dal 20 luglio. Il November Brent LCOX8 ha guadagnato 68 centesimi, pari allo 0,9%, per chiudere 79,74 dollari al barile su ICE Futures Europe dopo aver toccato un massimo di 80,13 dollari, l’accordo per il benchmark globale è stato il più alto dal 23 maggio.
La minaccia di Firenze alle Caroline e alla Virginia è aumentata negli ultimi giorni mentre la tempesta è cresciuta oltre l’Atlantico, provocando ordini di evacuazione per oltre 1 milione di persone prima dell’atterraggio per il maggiore uragano, che si prevede si avvicinerà alla costa della Carolina Giovedi.

Le preoccupazioni per la tempesta imminente e le interruzioni di fornitura previste hanno sostenuto i recenti guadagni del prezzo del greggio e le evacuazioni in vista dell’uragano hanno causato un picco nella benzina.

Gli analisti hanno anche espresso la preoccupazione che la tempesta possa causare interruzioni al flusso di carburante attraverso la chiave Colonial Pipeline che muove benzina e diesel da Houston attraverso gli stati del sud-est, tra cui la Carolina.

Tuttavia, la produzione di petrolio e gas naturale nel Golfo del Messico è lontana dal percorso di Firenze e il mercato prevede un rallentamento della domanda di energia da interruzioni di corrente e inondazioni all’indomani della tempesta.

Nel frattempo, un disturbo meteorologico che potrebbe trasformarsi in una depressione tropicale si annida nel Golfo del Messico.
I dati di Energy Information Administration hanno rivelato che le forniture di greggio sono diminuite di 5,3 milioni di barili per la settimana conclusasi il 7 settembre.
Gli analisti intervistati da S&P Global Platts avevano previsto un calo di 2,7 milioni di barili mentre l’ American Petroleum Institute ha riportato un calo di 8,6 milioni di barili.
Matt Smith, direttore della ricerca sulle materie prime presso ClipperData ha detto che una solida attrazione per gli inventari grezzi di questa settimana è stata il risultato di un aumento controcorrente dell’attività di raffinazione in un momento in cui dovremmo cadere nel mantenimento degli autoveicoli, ha detto.

La produzione di greggio degli Stati Uniti è diminuita di 100.000 barili la scorsa settimana a 10,9 milioni di barili al giorno, secondo l’EIA.
I dati hanno seguito martedì un rapporto mensile dell’agenzia che ha tagliato le previsioni per l’output 2018 e 2019.

L’idea che la produzione petrolifera americana cadrà entro la fine dell’anno non solo rimuove uno dei notevoli ostacoli del petrolio nel 2018 ma agirà come un vento favorevole per i mercati energetici, ha dichiarato Tyler Richey, co-editore del Rapporto Sevens.

Le scorte di benzina sono aumentate di 1,3 milioni di barili durante la settimana, mentre le scorte di distillati sono aumentate di 6,2 milioni di barili, secondo l’EIA.
L’indagine S&P Global Platts aveva mostrato aspettative per le forniture di benzina invariate, mentre i distillati erano previsti in aumento di 2,3 milioni di barili.
Sul Nymex, la benzina è salita dell’1% a 2,035 dollari al gallone e il riscaldamento ha raggiunto quasi lo 0.3% a 2.258 dollari al gallone.
Il gas naturale è arrivato a 2,829 dollari per milione di unità termiche britanniche, meno dello 0,05% in più.
I commercianti di petrolio hanno anche setacciato dati mensili dall’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, o OPEC, che ha dimostrato che i membri hanno incrementato la produzione totale ad agosto, dimostrano che il cartello si sta attenendo a una decisione all’inizio di quest’anno per pompare più greggio restando in linea con un accordo con altri importanti produttori per contenere la produzione complessiva.
L’aumento arriva prima delle rinnovate sanzioni statunitensi sull’Iran che avranno pieno effetto a novembre e si prevede che ridurranno drasticamente le esportazioni della nazione mediorientale.
I partecipanti al mercato hanno inoltre osservato attentamente le forniture dei produttori petroliferi mediorientali, la Libia e l’Iraq.
Lo Stato islamico ha rivendicato la responsabilità di un attacco nei quartieri generali della principale compagnia petrolifera della Libia e ha affermato che i giacimenti petroliferi nel paese sono un obiettivo legittimo, secondo un rapporto di Bloomberg.
Preoccupazioni per l’impatto di un conflitto commerciale in aumento tra le due maggiori economie del mondo hanno anche esercitato pressioni sui mercati esteri negli ultimi mesi.
Il Wall Street Journal ha riferito tuttavia che gli Stati Uniti stanno raggiungendo la Cina per un nuovo round di negoziati commerciali.