La storia del trading online

In questo articolo vi parleremo delle nascita del trading online, delle origini e di come si sia trasformato in questi anni. Inoltre vi faremo una piccola panoramica sui passi per iniziare il trading online. Iniziamo partendo dal lontano 1993, quando la Borsa Italiana decise di accettare le connessioni delle Sim negoziatrici da elaboratori esterni, dando così modo di permettere le transazione automatiche.

Tutto il sistema si modificò inesorabilmente nel 1995 quando nacque la Directa Sim, ovvero il primo operatore che offriva una piattaforma di trading online in Italia. Ancora il trading online non era totalmente regolamentato, nel corso dell’anno 1999 la CONSOB emanò un decreto, dove regolamentava il trading online nei suoi vari aspetti.

Il nome ufficiale del decreto della CONSOB era: “Nuovo regolamento di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari”. Grazie a questo trattato della CONSOB, il trading online spiccava il volo, da quel momento anche grazia all’espansione di internet il trading online diventava una forma di investire in borsa alla portata di tutti.

Iniziarono a nascere i primi broker online e il trading online arrivò nelle case di tutti, da li ci fu un aumento esponenziale degli utenti che si registrarono alle piattaforme di broker online, si pensi che attualmente il Italia gli utenti del trading online sono il 50% della popolazione adulta. Nel corso degli anni ci furono vari cambiamenti, vari organi di tutela finanziaria come la CySEC e la FCA, introdussero delle regole sempre più severe per i broker, queste regole servivano e servono tuttora per tutelare i trader e le società nel trading online.

Come iniziare il trading online

Ora che abbiamo fatto una breve panoramica sulla storia e le origini del trading online, vediamo insieme come avvicinarci in modo sicuro a questo mondo. Il trading online è un terreno molto fertile, il trader che ci si avvicina potrà avere buoni risultati se seguirà delle linee guida e delle strategie.

Per accedere al trading online è opportuno affidarsi a broker certificati e riconosciuti, vi abbiamo accennato in precedenza quali siano gli organi di controllo (CONSOB, CySEC, FCA) che fanno della piattaforma un broker sicuro e affidabile.

Queste certificazioni sono importantissime, se incappate in broker che non le abbiano, escludeteli in partenza.
Ora che avete fatto una buona scrematura, potete concentrarvi sulle qualità che la piattaforma abbia, ad esempio la quantità di mercati, le commissioni, lo Spread, la formazione, il conto demo. Il modo più semplice e meno dispendioso per iniziare il trading online è tramite i prodotti a leva finanziaria CFD 

Cos’è il conto demo

Il conto demo è un’opportunità che le piattaforma broker online danno ai trader alle prime esperienze. Tramite il conto demo è possibile fare pratica nel trading online, senza però mettere a repentaglio il proprio capitale. Il conto demo è basilare per imparare le strategie e conoscere i mercati.

L’iscrizione rimane molto semplice, ci sono piattaforme che hanno conti demo senza limite di tempo, invece altri broker fissano un limite temporale, che di norma è di 30 giorni. Iniziare il trading online con il conto demo è di grande importanza per parametrarsi in questo settore.

Quando entriamo nel sito del broker scelto, abbiamo due possibilità o iscriversi in un conto “classico” o nel conto demo, in questo caso sceglieremo il percorso per iscriverci al conto demo, i passaggi sono semplici basta mettere i propri dati e non serve caricare alcun importo economico. Ora avrete la possibilità di iniziare il trading online nel migliore dei modi.

L’importanza della formazione

Come abbiamo accennato in precedenza la formazione nel trading online è importantissima, studiare le varie tipologie di analisi, sia quella fondamentale che l’analisi tecnica è importantissimo per gestire al meglio le contrattazioni. Inoltre è consigliato studiare anche il Money Management che vi indirizzerà verso la gestione del vostro capitale.
Tutti i broker offrono la formazione all’interno di una sezione specifica, tramite webinar, PDF, guide gratuite.