Home Blog Page 2

Il Social Trading e il Copy Trading

0
Social trading

Il social trading e il commercio copia, sono un nuovo ed innovativo modo di investire in opzioni binarie, l’ultima frontiera degli investimenti che è possibile fare online.

Con questo articolo vi spiegheremo come l’industria delle opzioni binarie in soli 8 anni ha fatto passi da gigante.

Il social trading e come guadagnare soldi

Grazie al social trading e il copia trading, i commercianti italiani hanno la possibilità di guadagnare facilmente favorendo una esperienza di trading positiva.
Con la comparsa del social trading e il commercio copia, i trader sono riusciti a massimizzare i profitti ed oggi anche gli operatori dei mercati italiani possono operare copiando le operazioni di successo dei trader professionisti.

A chi si rivolge

Il social trading e il commercio copia sono utili soprattutto per i commercianti meno esperti, nuovi al trading di opzioni binarie, ampliando così anche le loro conoscenze di trading.

Come funziona

Il trading non è mai stato così facile, gli investitori italiani possono imparare dai migliori commercianti e ottenere risultati commerciali altrimenti irrealizzabili.

Stiamo parlando di strumenti talmente innovativi ed efficaci che un numero crescente di utenti parlano tra loro attraverso i blog, social network, ecc … ecco perché la nascita del social trading e del copy trading, è stata quasi una conseguenza spontanea delle mode più popolari di tutto il mondo.

1) Un operatore, una volta presa famigliarità con le piattaforme di trading e con alcuni strumenti di base, potrà selezionare un trader di successo da seguire ed emulare.
2) Una volta selezionato l’operatore da seguire, è possibile usare il commercio copia ottenendo i migliori risultati non possibili altrimenti.

Sono strumenti sicuri?

Il commercio sociale e il copia trading sono strumenti sicuri, ma è importante selezionare una piattaforma affidabile per la negoziazione sociale e il commercio copia, e capire tutti gli strumenti di negoziazione e le funzioni disponibili.
Oltre ad una piattaforma affidabile, i commercianti devono anche selezionare un professionista affidabile per copiare i commerci. Per questo occorre verificare il tasso di successo del commerciante per poi decidere se è il tipo trader che si stava cercando.

I Vantaggi

Il trading sociale per le opzioni binarie è particolarmente popolare e diffuso tra i nuovi operatori inesperti, una forma di commercio che consente di migliorare le performance di negoziazione di un trader inesperto copiando da chi di mercati finanziari ne sa più di lui.
Uno dei vantaggi derivanti dal social trading è che non è richiesta alcuna esperienza di trading, per iniziare occorre solo individuare un professionista trader di successo e seguirlo (se ha un buon tasso di vincita).

“Una straordinaria opportunità per i commercianti novizi ma anche per i professionisti.”

Con il commercio sociale e il commercio copia, tutti possono imparare dai migliori commercianti ottenendo più vantaggi derivanti dal commercio suggerito dai Robot o software di opzioni binarie.

Social Trading e copy Trading a confronto

Anche se a un primo impatto sembrano la stessa cosa, non lo sono, ci sono differenze significative da tenere a mente.

Il trading copia: chiamato anche opzione copia o copia e incolla, con questo strumento il commerciante italiano ha la possibilità di seguire i commercianti esperti e in base alle impostazioni disponibili sulla piattaforma, copiare le operazioni commerciali. Ottimo strumento per la gestione del denaro, richiede un certo livello di conoscenza del trading. L’obiettivo è quello di distinguere un potenziale investimento senza successo da uno con successo, dal momento che gli operatori esperti, seguiti da quelli meno esperti, sono responsabili dei risultati commerciali.

Il commercio social: il commercio sociale si basa sulla negoziazione dei social network. Molte piattaforme di trading permettono ai commercianti di comunicare tra loro attraverso chat e forum, un luogo di discussione per gli operatori italiani dove trattare argomenti inerenti i mercati finanziari e discutere sugli ultimi aggiornamenti di mercato.

Conclusione

Il social trading e il copy trading sono due ottimi strumenti per ampliare le conoscenze dei mercati finanziari. Questo tipo di negoziazione è disponibile in Italia ed è consigliato ai trader novizi ma anche ai professionisti, perché porta con se numerosi vantaggi in termini rispettivamente di: profitti e commissioni.

Banc de Binary vuole annullare il bonus di benvenuto

0
Banc de Binary vuole annullare il bonus di benvenuto
Banc de Binary vuole annullare il bonus di benvenuto

Recentemente, le autorità CySEC e ESMA, stanno pressando i broker di opzione binaria per rispettare le nuove raccomandazioni e i regolamenti sottoscritti.
Banc de Binary, uno principali broker regolamentati per le opzioni binarie sul mercato Europeo, per mettersi in regola con quanto normato dalle autorità di cui sopra, ha dichiarato che sta rivedendo il modello di business legato al bonus.

“Banc de Binary è in procinto di annullare il bonus per favorire le raccomandazioni dei regolatori binari.”

Il Bonus di Opzione binaria

Il bonus, è uno strumento dedicato ai nuovi operatori, ma alcuni broker truffa lo hanno utilizzato per ingannare gli utenti online.
Questo succede perché i nuovi commercianti non hanno informazioni sufficiente per valutare l’utilizzo di un bonus di benvenuto.
La maggior parte dei broker consentono il ritiro dell’importo del bonus solo dopo che il commerciante ha maturato un guadagno pari a circa 40 volte l’importo del bonus stesso (dato variabile da broker a broker).
La guerra alle opzioni binarie
Lo strumento finanziario “opzione binaria”, ha sollevato parecchie perplessità e diversi governi Europei sono attualmente impegnati in una guerra aperta a colpi di normative e divieti.
Alcuni broker, primi tra tutti Banc de Binary, hanno valutato seriamente la possibilità di annullare la promozioni legata al bonus.

In questo modo Banc de Binary ha dimostrato di dare maggiore importanza ai nuovi commercianti che si affacciano per la prima volta alle opzioni binarie, sostituendo il bonus a nuove funzionalità utili ai trader alle prime armi.

Conclusioni

Questo fine anno termina con una maggiore attenzione alle tutele degli utenti delle opzioni binarie. Praticamente, l’intento dei broker è quello di rilanciare l’immagine delle opzioni binarie come trading sicuro e di successo, soprattutto per i nuovi operatori e Banc de Binary, è un broker in prima linea in questa battaglia, che si è preannunciata lunga e difficile.

Vai alla guida.

Cosa sta succedendo alle opzioni binarie in Francia

0
Nuove regole per le opzioni binarie
Nuove regole per le opzioni binarie

“Era atteso da sei mesi, dopo una intensa attività da parte delle lobby, le autorità francesi hanno approvato una nuova legge per regolamentare i mercati finanziari del paese. La legge mira a ridurre in modo significativo la presenza del Forex e altri prodotti finanziari disponibili online.”

Il parlamento francese ha votato questa settimana l’approvazione di una nuova legge proposta dall’AMF (l’organo preposto al controllo dei mercati finanziari del paese), che limita severamente il volume degli scambi nei mercati finanziari.
Questa legge include anche un rigido controllo sui derivati, cambi e CFD, escludendo il divieto di marketing e comunicazione su quest’ultimi.

Le perplessità dei broker

Lo scopo di questa legge è quello di aumentare la trasparenza sui mercati finanziari e contrastare le truffe online in materia di finanza. La perplessità da parte dei broker, è legata al fatto che questa legge può in qualche modo causare perdite economiche per loro, tra l’altro l’AMF con questa legge deciderà chi soddisfa i criteri per erogare i prodotti finanziari e chi non.
L’altra perplessità da parte dei broker è che non esistono delle linee guida definite per rispettare questi criteri.

Sarà l’AMF a decidere i buoni e i cattivi

L’AMF, in sei mesi ha elaborato una nuova normativa per la lotta contro il ramo dei derivati, e il governo ha emanato una nuova legge, dietro dettatura, incaricando l’AMF di decidere quali prodotti sono nocivi o rischiosi per i consumatori.

“Il governo francese è convinto che la nuova legge contribuirà a limitare le truffe perpetrate a utenti online inconsapevoli.”

Una legge che distrugge il mercato

Le perplessità legate a questa legge, e il potere che l’AMF ha di decidere chi può lavorare nel settore e chi no, inducendo molti esperti di settore a pensare che questa legge ha come risultato la distruzione del settore finanziario del paese, perché i broker trasferiranno le loro sedi altrove, dove le regole sono meno rigide.

“In questo contesto chi perde sono i consumatori.”

Il divieto è diventato una realtà

La legge tende a regolare e limitare quei prodotti che non sono negoziati nei mercati regolamentati, e che sono ritenuti ad alto rischio per i consumatori.

Le nuove regole proibiscono ai broker di contattare i consumatori per:

  • Sponsorizzazione (esempio di squadre sportive);
  • E-mail;
  • Televisione;
  • Radio;
  • Banner.

La nuova legge, entrerà in vigore a metà dicembre o gennaio, successivamente alla pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Cosa potrà succedere con l’entrata in vigore di questa legge

“Il rischio è che assisteremo a un esodo di massa delle aziende regolamentate verso paesi con meno restrizioni.”

I costi della regolamentazione per i broker sono elevati, e già prima della legge molte aziende faticavano a sopravvivere grazie al reddito generato dalle campagne di marketing. Senza questa fonte di reddito le aziende regolamentate non hanno più interesse alla regolamentazione soprattutto a rimanere in Francia.
Questa considerazione ci lascia pensare che, un esodo di massa delle aziende regolamentate, lascerà un vuoto che potrà essere colmato da broker non regolamentati, con un effetto boomerang della legge opposto al suo scopo.

“Le aziende saranno meno disposte a sottomettersi a regimi normativi costosi e complessi, in questo modo il nuovo disegno di legge farà diminuire le imprese che non vogliono lavorare all’interno di un quadro normativo troppo rigido, lasciando spazio alle imprese non regolamentate.”

Una punizione per tutto il settore

“Stiamo parlando di una legge che elimina la maggior parte delle fonti di reddito derivanti dalla commercializzazione delle opzioni binarie. Infatti chi è colpito sono quei prodotti complessi e ad alto rischio o con una leva maggiore di 1:5.”

Dopo più di sei mesi di lavoro, l’AMF è riuscita nel suo intento, quello di vietare la pubblicità e le comunicazioni di tutto il settore.

Diversi paesi hanno discusso la possibilità di un divieto totale o parziale, e alcuni hanno già implementato le condizioni restrittive.

Infatti, con la nuova legge, i broker non hanno più il diritto di pubblicizzare o comunicare direttamente o indirettamente con i consumatori su qualsiasi prodotto che non sia già quotato nei mercati regolamentati.
L’introduzione di multe e nuove norme sulla pubblicità, l’AMF creerà un nuovo quadro giuridico
La legge non specifica quello che è considerato rischioso, o la definizione di elevata leva finanziaria, e non definisce esplicitamente le multe, affida semplicemente all’AMF la definizione del quadro normativo per l’applicazione della legge e le sanzioni per le violazioni.

“Dopo l’adozione del disegno di legge l’AMF è stata incaricata di creare delle regole definite ed uniformi per i broker da seguire nel nuovo contesto del quadro normativo applicando sanzioni per un massimo di 100 000 euro.”

Euböa potrebbe cambiare il volto delle opzioni binarie

I Brokers Association (Euböa), hanno deciso di imporre modifiche che potrebbero cambiare il volto delle opzioni binarie. Euböa si è riunito per la terza volta, proponendo cambiamenti per quanto riguarda il modello di business del settore, in particolare: bonus e sistemi di prelievi.

I bonus hanno suscitato critiche, perché spesso sono risultati ingannevoli, mentre i prelievi sono stati un problema quando i clienti hanno lamentano vincoli e ritardi per accedere ai propri fondi.
Le proposte sono quelle dell’attuazione di una politica di ritiro lo stesso giorno in cui il cliente ne fa richiesta, e abolizione del bonus.
Quattro membri del gruppo:

  • Banc de Binary;
  • Anyoption;
  • Spot&Change;
  • Option Capital Markets.

hanno deciso di attuare queste raccomandazioni nel breve periodo, altri non hanno firmato l’accordo, ma hanno mostrato volontà di farlo.

Tutto dimostra che Euböa anche se nata giovane, è pronta al compromesso, allo stato attuale, molte aziende regolamentate si sono ritirate dal mercato francese, mentre altri stanno prendendo in considerazione tale misura, tutto fa presagire che una mediazione con i poteri forti, può migliorare uno stato di tensione politica.

Quello che ci viene da pensare è che il divieto normativo ha creato un precedente, anche se attualmente circoscritto al paese …

“probabilmente le opzioni binarie in Francia non esisteranno più.”

Clicca qui per avere maggiori informazioni.

Aggiornamento coppia EUR/JPY

0
coppia EUR/JPY
coppia EUR/JPY

Questo Lunedì il valore della nostra moneta unica è stato più alto rispetto allo Yen giapponese con la coppia EUR/JPY che è stata scambiata a 116,28 in aumento dello 0,66%.
La coppia valutaria ha trovato una quota di supporto a 114,32 che risulta essere il valore più basso fatto registrare da Giovedì scorso e una quota di resistenza posta a 118,12 che invece è la più alta fatta registrare oggi.

Allo stesso momento il valore della nostra moneta unica è stato più basso rispetto al Dollaro americano​ ed alla Sterlina inglese.

La coppia EUR/USD scende dello 0,52% scambiando a 1,1221 e la coppia EUR/GBP che scende dello 0,12% scambiando a 0,8912.

Italia, lenta ripresa

0
italia lenta ripresa
italia lenta ripresa

L’Ufficio Parlamentare di bilancio in una nota sulla congiuntura di Ottobre 2016 ha scritto che l’Italia sta procedendo su ritmi modesti.
In questa nota l’ufficio fa un punto sulla situazione del ciclo economico del nostro paese e anche di quello internazionale relativo ai primi due trimestri e facendo anche una previsione dei due trimestri successivi.

In queste stime si evince che il PIL aumenterà dello 0,4% nel terzo trimestre e dello 0,2% nel quarto.

Tutti questi andamenti congiungono a una tipologia di crescita media per quanto riguarda il 2016 e che è stata aggiustata per l’effetto dei giorni allo 0,9%.

Senza effettuare la correzione per il minor numero di giornate lavorative del 2016 rispetto a quelle del 2015 l’incremento del PIL grezzo è stato dello 0,6%, quest’ultima settimana dobbiamo confrontarla con la crescita dello 0,9% che è stata ipotizzata per il 2016.

Cessione azioni Coin

0
gruppo coin

Il gruppo Coin attraverso un collocamento velocizzato ha ceduto a investitori istituzionali internazionali circa il 12% di Oviesse pari a 23 milioni di azioni ordinarie a 5,71 euro ad azione.

Con questa manovra Coin scende dal 53,1% al 41,1% del capitale di Oviesse, i guadagni lordi derivanti dal collocamento ammontano a circa 130 milioni di euro.

Il Gruppo Coin che è indirettamente controllato da fondi gestiti da BC partner che si è impegnato a non vendere altri azioni OVS per almeno tre mesi dal regolamento dell’offerta.
In tutta la manovra Rothschild e Latham & Watkins hanno agito in qualità di consulente legale Coin e Unicredit ha agito in qualità di Sole Bookrunner.

In un primo momento questa manovra ha fatto crollare il titolo in Borsa di oltre il 5% a 6,728 euro.

Dollaro al massimo di seduta

0
Dollari

Dopo la pubblicazione dei dati riguardanti l’inflazione americana nel mese di gennaio

il Dollaro è riuscito a toccare il massimo di seduta

nei confronti delle controparti valutarie.
Logicamente questo perché i risultati sono stati superiori alle attese e le probabilità di uno o più rialzi dei tassi di interesse da parte della Fed si fanno sempre più concrete.
Il comitato di politica monetaria è riunito da ieri per prendere delle decisioni importanti che verranno rese note questa sera.
Anche se sembra improbabile nell’immediato un ritocco verso l’alto, il Presidente della Fed, Janet Yellen potrebbe dare chiarimenti sugli eventuali tempi e sulle condizioni delle prossime strette monetarie nel corso della conferenza stampa.
L’indice del Dollaro che traccia l’andamento del biglietto verde nei confronti delle altre sei monete rivali è riuscito a salire fino a 97,473, picco di oggi, in rialzo dello 0,4%.

Raggiunto accordo in Unicredit

0
unicredit
unicredit

Proprio ieri è stato raggiunto un accordo con i sindacati per quanto riguarda i dirigenti Unicredit che prevede svariate opzioni di uscita che si faranno su base esclusivamente volontaria, questo è quanto ha comunicato in una nota Uilca.

Eccovi un estratto della nota:

“Nonostante i numeri elevatissimi (470) proposti inizialmente dall’azienda di dirigenti in esubero cui applicare le procedure di licenziamento collettivo, le parti hanno definito una serie di opzioni di uscita, profilate in base all’anzianità, cui poter far aderire il personale interessato su base esclusivamente volontaria compresa l’attivazione del Fondo di solidarietà per 36 mesi e la possibilità di demansionamento per gli appartenenti alle fasce inferiori di retribuzione”.

Uilca ci tiene a sottolineare l’elemento di novità ovvero la relativa attivazione di iniziative di solidarietà fra dirigenti atte a recuperare risorse che vadano a sostenere tutta l’operazione, per ora Unicredit non ha rilasciato nessun commento o dichiarazione.

Sale coppia AUD/USD

0

Il cugino australiano del Dollaro americano questo venerdi gode di ottima salute facendo segnare un valore più alto del biglietto verde.

La coppia AUD/USD è salita dello 0,22% ed è stata scambiata a 0,7589, la quota di supporto è arrivata a 0,7421 che è il valore più basso mai registrato da lunedì scorso e la quota di resistenza la troviamo a 0,7752 che a sua volta è la più alta registrata da mercoledì scorso.

Allo stesso tempo il Dollaro australiano ha guadagnato terreno anche contro la nostra moneta unica e contro lo Yen giapponese con la coppia EUR/AUD che scende dello 0,21% scambiando a 1,4839 e la coppia AUD/JPY in salita dello 0,31% scambiando a 85,92.

Futures del greggio in perdita

0
futures greggio
futures greggio

La sessione asiatica di oggi ha decretato una netta perdita del valore dei futures del Greggio.

All’interno del New York Mercantile Exchange i futures del Greggio previsti in consegna a marzo sono stati scambiati a 30,97 dollari USA il barile, prezzo che cala del 2,44%.

In un primo momento il valore di scambio era ancora più basso a 29,87 dollari il barile, in seguito assestandosi a 30,97 ha caratterizzato una quota di supporto a 28,88 ed una quota di resistenza a 32,03.

Guardando l’indice del dollaro che traccia l’andamento generale della moneta statunitense nei confronti delle altre sei monete rivali, lo stesso è sceso dello 0,08% scambiando a 95,34 dollari.

Sull’ICE il Petrolio Brent in consegna nel mese di aprile ha subito un calo dello 0,09% scambiando a 35,52 dollari il barile, lo spread fra i contratti del Petrolio Brent e il Greggio si assesta a 3,84 dollari il barile.

Ultime News

Opzioni Binarie e Forex: la settimana di trading

Opzioni Binarie e Forex: la settimana di trading

Inizia la settimana di trading: Opzioni binarie e Forex Il Forex trading è lo scambio di valute governate dalle leggi della domanda e dell'offerta. Il mercato...
coppia EUR/JPY

Aggiornamento coppia EUR/JPY

italia lenta ripresa

Italia, lenta ripresa

gruppo coin

Cessione azioni Coin

Sale coppia AUD/USD

futures greggio

Futures del greggio in perdita

rating portogallo

Rating sul Portogallo idoneo

eur jpy

EUR-JPY in calo

fs

FS verso Francia e Belgio

eur usd

EUR-USD ai minimi

mps

Crollo per MPS e Carige

btp

BTP deboli

Comprendere lo Spread nel Forex Trading

Analisi Forex Trading

atene borsa

Atene, borsa sotto terra

chiusura tokyo

Chiusura record per Tokio

anyoption

Il Broker AnyOption