Home Blog Page 3

Rating sul Portogallo idoneo

0
rating portogallo
rating portogallo

Buone notizie per il Portogallo visto che Dbrs ha ritenuto che il rating assegnatogli sia adeguato nonostante il recente timore per il debito del paese a causa del rialzo dei rendimenti dei governativi.

L’agenzia di rating Dbrs è l’unica fra le quattro principali agenzie che continua ad assegnare a Lisbona un ‘BBB(low)’ di investment grade e un outlook “stabile”.

Questi parametri sono indispensabili al Portogallo per portare alla Bce i titoli di stato in collaterale.

Per fine aprile l’agenzia dovrà nuovamente esprimersi sul rating del Portogallo, l’Head Sovereign Analyst di Dbrs, Reuters Fergus McCormick ha dichiarato che il loro giudizio “stabile” sia nettamente il più appropriato, per il futuro si vedrà.

McCormick ha anche aggiunto che se la volatilità dei mercati dovesse protrarsi nel tempo, l’attenzione dell’agenzia per la valutazione finale verrà focalizzata su tutto ciò che potrebbe essere fattibile in termini di aggiustamento fiscale e sull’equilibrio politico in generale.

EUR-JPY in calo

0
eur jpy
eur jpy

In questi ultimi giorni il paese del Sol Levante è riuscito a spuntarla contro i paesi dell’Eurozona.

Il valore dell’Euro è stato nettamente inferiore rispetto ai valori che aveva fatto registrare lunedì scorso.

La coppia EUR/JPY è stata scambiata a 134,67 più giù dello 0,72%, la coppia ha trovato la quota di supporto a 134,31, valore più basso della settimana e la quota di resistenza invece è stata la più alta della settimana a 136,91.

Allo stesso tempo il valore dell’Euro è stato maggiore del Dollaro USA e della Sterlina inglese.

La coppia EUR/USD sale dello 0,12% toccando quota 1,1367 e la coppia EUR/GBP sale dello 0,16% a quota 0,7792.

FS verso Francia e Belgio

0
fs
fs

Come scritto nel titolo il prossimo obiettivo delle linee alta velocità di FS è quello di espandersi in Francia e Belgio.

La cosa è stata comunicata da Michele Elia nelle vesti di AD di FS durante una conferenza sul Workshop del IV pacchetto ferroviario.

Nello specifico D’elia ha dichiarato quanto segue:

“In Germania ci siamo già con Netinera, che fa trasporto locale, e oltre a questo vogliamo andare all’estero con l’alta velocità, in paesi limitrofi e non, anche per far valere il nostro know how“.

L’Amministratore delegato ha poi continuato dicendo che in Svizzera sono già presenti con “Cisalpino” e quindi i prossimi paesi saranno in primis il Belgio e la Francia.

Bestocopy entra nella lista nera Consob

0
bestocopy
bestocopy

Se non hai mai sentito parlare di Bestocopy, buon per te. Il regolatore dei mercati finanziari in Italia, la Consob, ha appena pubblicato un chiaro avvertimento su questa piattaforma di trading sociale (che attualmente ha trovato sostegno visibile presso il broker OptionWeb) che non ha le autorizzazioni per praticare in Italia, ed è quindi completamente illegale.

Bestocopy non è disponibile solo in Italia ma anche in altri paesi Europei e quindi occorre essere molto vigili, e distinguere il buono dal marcio.

Di per sé, Bestocopy si innesta su una piattaforma che è regolata, tuttavia, dobbiamo essere molto attenti a abusi di trading online nella sfera “social“.
Questa pratica offerta dai social trading non porta realmente a una soluzione reale di investimento, ma offrono di copiare semplicemente i commercianti più esperti, in modo molto semplice. Purtroppo molti commenti hanno condiviso il loro disappunto per quanto riguarda l’uso di questo prodotto.

Non avendolo provato, preferiamo non dare un parere su questa piattaforma Bestocopy. Ciononostante vi invitiamo ad essere estremamente vigili, soprattutto perché questo avvertimento diramato dalla CONSOB implica che ci siano probabilmente alcuni derivati, che hanno indotto delle denunce da parte di italiani presso il regolatore territoriale.

La Consob italiana pubblica regolarmente comunicati stampa per avvertire gli investitori Italiani su eventuali truffe perpetrate attraverso siti di trading online postandole sulla sua lista nera.

EUR-USD ai minimi

0
eur usd
eur usd

La nostra moneta resta stabile contro il Dollaro questa settimana con il cambio EUR/USD che ha toccato quota 1,1176, la quota di supporto 1,1065 e la quota di resistenza la troviamo a 1,1192.

Intanto cresce l’attesa per il rilascio dei report relativi al settore manifatturiero e quello dei servizi dell’Eurozona previsti nei prossimi giorni.

La nostra moneta unica ha sofferto un pò dopo le dichiarazioni rilasciate da Peter Praet, Capo Economista della BCE secondo il quale la Banca Centrale sarebbe pronta ad aumentare il programma di stimolo monetario per far fronte ai rischi che tutto il clima di agitazione potrebbe dare all’economia globale.

Ad inizio mese la BCE ha abbassato le previsioni di crescita e inflazione ed il programma di acquisti di Bond potrebbe essere aumentato.

Questi dati economici negativi hanno fomentato le paure per un calo di tutta l’economia globale.

L’Euro sale contro la Sterlina inglese con la coppia EUR/GBP che viene scambiata a 0,7782 con un aumento dello 0,21%.

Crollo per MPS e Carige

0
mps
mps

Il vecchio continente con le sue principali borse è in calo, anche la nostra piazza affari è in discesa con il FTSE MIB che lascia sul terreno l’1,67%.

Il calo è stato aiutato dal tonfo di Banca Mps che ha fatto segnare un calo di oltre 18 punti percentuale sulla scia dell’esito degli stress test fatti dalla BCE.

L’Euro resta stabile e il livello della coppia EUR/USD resta a 1,312 con tutti gli operatori concentrati in direzione dell’assemblea della FED ed alla scadenza del piano di Quantitative Easing, il livello dello Spread resta invariato a 160 punti con il rendimento decennale dei BTP al 3%.

Fra le varie borse notiamo un Francoforte e Parigi stabili ma pur sempre in leggera perdita.

Per quanto riguarda le migliori bluechip di Piazza Affari notiamo Banco Popolare con un +2%, A2A con un +1,80%.

Invece fra i titoli peggiori troviamo Saipem con un calo del 3,56% e un leggero calo per FCA di Marchionne con un -0,67%.

Chiusura ai massimi per piazza affari

0
piazza affari
piazza affari

Giornata scialba per Piazza affari oggi dato che il mercato no ha fatto notare grandi movimenti.

L’indice delle Bluechip è salito del 2% arrivando a 20.567 punti.

Nonostante questo appiattimento del mercato l’andamento della nostra borsa è stato migliore degli altri listini e del benchmark europeo, da inizio anno il FTSE MIB ha guadagnato oltre il 20%.

Fra i titoli bancari chi ha avuto la peggio sono state Banco Popolare e Ubi Banca, fra le migliori in campo positivo troviamo Mediobanca e Intesa Sanpaolo.

Autogrill ha fatto segnare un calo del 3% e nel settore auto e moto vediamo FCA in aumento e Piaggio si è visto declassare il titolo da Banca Akros da “Neutral” ad “Accumulate“.

Il titolo Telecom Italia Media è in asta di volatilità per eccessivo rialzo, tonfo per Trevi dopo la revisione della stima sull’Ebit del 2015 conseguentemente ai costi troppo alti sulla commessa di Drillmec.

BTP deboli

0
btp
btp

Il secondario italiano fa denotare una certa debolezza ma senza aumentare il ritardo sul Bund tedesco che in questo momento è un pò più penalizzato.

Nonostante gli ultimi dati USA non siano molto rassicuranti e la correzione dell’azionario cinese gli investitori sono ugualmente positivi vista la buona tenuta dell’obbligazionario greco nonostante il crollo della borsa greca.

L’indice delle bluechip greche ha iniziato con una flessione del 22%, ben più tranquilla la curva ellenica dei benchmark.

La scadenza biennale paga circa il 22%, il triennale è situato a quota 105 e il decennale si assesta poco sopra il 14%.

Sempre sulla sponda ellenica il derivato credit default swap con scadenza a cinque anni si porta a quota 1,902 punti base dal passato dato di 2.382.

L’ultimo aggiornamento sul Pmi di luglio non da spunti direzionali e questo mette in evidenza una tenuta generale del setture manifatturiero in confronto alla crisi greca.

Analisi Forex Trading

0
Comprendere lo Spread nel Forex Trading
Comprendere lo Spread nel Forex Trading

I due argomenti principali che riguardano le principali zone economiche in quest’ultimo periodo sono cautela e pazienza.

La prima è riferita sul momento politico dei due grandi scenari aperti in questo momento, la crisi dell’Ucraina dell’est e la questione libica.

La FED predica pazienza ed il Governatore della Banca Centrale Americana ha dichiarato che non faranno da babysitter a nessun mercato.

Queste tensioni internazionali pesano sulle decisioni ed hanno anche influito all’ultimo FOMC, il consiglio direttivo è improntato al mantenimento di una politica più espansiva rispetto a quella seguita nel 2014.

La FED si premunisce anche se la situazione europea sembra calmarsi dopo che il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi sta tentando la Grecia di Alexis Tsipras che dovrebbe a sua volta presentare una richiesta di estensione dei termini di prestiti internazionali.

Ecco di seguito i vari movimenti di mercato imminenti:
Bollettino mensile della Bank of Japan, dato sui CBI trend di ordinativi industriali del Regno Unito, negli stati Uniti saranno divulgati i dati sui sussidi di disoccupazione e infine l’indice Philly FED manifatturiero.

Atene, borsa sotto terra

0
atene borsa
atene borsa

Oramai non è più una notizia da prima pagina visti gli sviluppi o una notizia che suscita scalpore ma stamattina la borsa di Atene ha riaperto i battenti in fortissimo calo.

I risultati di oggi hanno una piccola novità, il calo è stato il peggiore a livello giornaliero mai registrato dopo le cinque settimane di sospensione.

Il principale indice greco nelle prime battute di scambio ha ceduto circa il 25% e la Banca Nazionale di Grecia, maggior istituto di credito commerciale ellenico ha perso il 30%.

In poche parole la crisi della Grecia continua e si trascina, anche se in maniera indiretta tutta l’economia dell’Eurozona e questa situazione non agevola in nessun modo la ripresa economica europea già fortemente provata.

Forse arrivati a questo punto sarebbe necessaria una soluzione drastica per risolvere il problema, sicuramente in un primo momento si verificherebbero situazioni molto pesanti ma con il passare del tempo poi l’economia ne trarrebbe vantaggio, questo tran tran non agevola nulla.

Ultime News

Opzioni Binarie e Forex: la settimana di trading

Opzioni Binarie e Forex: la settimana di trading

Inizia la settimana di trading: Opzioni binarie e Forex Il Forex trading è lo scambio di valute governate dalle leggi della domanda e dell'offerta. Il mercato...
coppia EUR/JPY

Aggiornamento coppia EUR/JPY

italia lenta ripresa

Italia, lenta ripresa

gruppo coin

Cessione azioni Coin

Sale coppia AUD/USD

futures greggio

Futures del greggio in perdita

rating portogallo

Rating sul Portogallo idoneo

eur jpy

EUR-JPY in calo

fs

FS verso Francia e Belgio

eur usd

EUR-USD ai minimi

mps

Crollo per MPS e Carige

btp

BTP deboli

Comprendere lo Spread nel Forex Trading

Analisi Forex Trading

atene borsa

Atene, borsa sotto terra

chiusura tokyo

Chiusura record per Tokio

anyoption

Il Broker AnyOption